Crotone, KR 88900, Via Francesco Antonio Lucifero, 40
+39 0962 905308
Accedi Registrati

Accedi con il tuo account

Username *
Password *

Crea un account

Tutti i campi con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Username *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Administrator

Administrator

Martedì, 08 Febbraio 2022

Il possesso di imperi non costituiva solo una risorsa economica ma anzitutto un'affermazione politica, come spiega Renato Cirelli in «L'espansione europea nel mondo. Ascesi, crisi e declino di un'aspirazione imperiale» (D'Ettoris editore, 2016).

Venerdì, 07 Gennaio 2022

Difficile trovare un personaggio storico altrettanto colpito per razzismo, suprematismo, autentico odio, quale Cristoforo Colombo. Sono stati sufficienti pochi anni per assistere al tracollo della sua figura, all'abbattimento di sue statue, alla cancellazione delle feste in suo onore, specie il 12 ottobre, il Columbus day, che rammemora il 12 ottobre 1492 quale scoperta dell'America, data di arrivo del navigatore sul continente. Negli Stati Uniti, ma non soltanto, gli si sono anteposti gli indigeni, incolpandolo di aver contribuito al loro sterminio. Ne continuano a pagare monumenti, simboli, personaggi legati alla sua figura e, indirettamente, all'intero mondo italo-americano. Lo stesso parlamento nostrano ha dovuto prendere atto della degradazione non soltanto dello scopritore, bensì della cultura che gli è collegata.

Venerdì, 07 Gennaio 2022

Fiorella Nash è ricercatrice e scrittrice della Society for the Protection of Unborn Children di Londra e ha oltre dieci anni di esperienza nella ricerca sulle problematiche inerenti la vita da una prospettiva femminista. Partecipa regolarmente a convegni nazionali e internazionali ed è apparsa su radio e stampa statunitensi per discutere di questioni come l’aborto, il genere, la salute materna e la maternità surrogata commerciale. È una scrittrice pluripremiata che ha firmato le sue molte opere di narrativa con il semi-pseudonimo «Fiorella De Maria».

Martedì, 21 Dicembre 2021

Anna Linda Ravazzoni, nata a Roma, è laureata alla LUMSA in lingue e letterature straniere, con indirizzo in lingua e cultura spagnola. Esperta in comunicazione istituzionale e marketing d’impresa, nel corso della sua carriera ha svolto diversi incarichi per Enti e Organizzazioni nazionali ed internazionali. Sceneggiatrice e scrittrice, autrice d’inediti di poesia e narrativa, esordisce con quest’opera interamente imbevuta della storia della propria famiglia.

Domenica, 05 Dicembre 2021

Luisa Maddalena Medolago Albani è laureata in Medicina e Chirurgia, specialista in Neuropsichiatria Infantile. Negli anni ’70 del secolo scorso ha partecipato, qualificandosi ai primi posti, a svariati premi letterari. Si è poi dedicata alla riabilitazione di bambini con difficoltà di varia entità e malattie rare. Collabora con la rivista “Missione salute”. Attualmente si dedica alla ricca documentazione presente nell’archivio di famiglia, da cui sono tratti i contenuti de La Mula Baldanzosa, di cui ha curato anche le traduzioni. È discendente di Stanislao Medolago Albani figlio di Benedetta de Maistre, ma educato da Filomena considerata a tutti gli effetti sua madre. Stanislao è stato uno dei protagonisti del movimento Cattolico italiano a cavallo tra XIX e XX secolo, mentre il pensatore Joseph de Maistre, di lui più noto, era nonno paterno di Benedetta e Filomena.

Lunedì, 29 Novembre 2021

Il toscano Domenico Giuliotti (1877- 1956) è uno degli scrittori illustri e dimenticati della letteratura italiana del Novecento: poeta, saggista, polemista, scrisse versi propri e curò l’edizione critica delle Rime di Cecco Angiolieri e studi su Jacopone da Todi, François Villon e Joseph de Maistre, del quale tradusse e pubblicò un’antologia di scritti; fu stretto collaboratore di Giovanni Papini, con cui realizzò il Dizionario dell’omo salvatico (cioè l’uomo cristiano che non si è lasciato “civilizzare” dall’Umanesimo, dal Rinascimento, dall’Illuminismo e dalla Rivoluzione: in una parola, dalla modernità).

Lunedì, 29 Novembre 2021

Fiorella Nash, scrittrice e ricercatrice della Society for the Protection of Unborn Children di Londra è una femminista prolife. Nel suo libro L’abolizione della donna. Come il femminismo radicale tradisce le donne, trae spunto dalle modalità di comunicazione del femminismo odierno per sviscerare e analizzare pratiche disumane come i delitti d’onore, il fenomeno delle spose bambine, il «gendericidio» infantile, il controllo delle nascite e la mortalità materna in prossimità del parto.

Lunedì, 29 Novembre 2021

Nel 1943, Clive S. Lewis (1898-1943) pubblicò L’abolizione dell’uomo. La negazione del diritto naturale e di valori oggettivi – argomentava in quest’opera il futuro creatore delle Cronache di Narnia – avrebbe avuto conseguenze disastrose per l’umanità. Nel 2018 la scrittrice Fiorella Nash ha pubblicato L’abolizione della donna, e l’assonanza dei titoli non è casuale. La tesi centrale del suo libro, uscito in Italia poche settimane fa grazie alla D’Ettoris Editori di Crotone, è che esiste un femminismo radicalizzato e intollerante incapace di riconoscere dignità e diritto di espressione a voci femminili che non si riconoscono in qualcuno dei suoi imperativi

Lunedì, 29 Novembre 2021

Sono domande che prima o poi ci facciamo tutti: "Chi sono? Da dove vengo? Perché il male? Che cosa ci sarà dopo questa vita?". Hanno interrogato gli uomini di ogni cultura e di ogni tempo perché sono iscritte nel nostro dna. Se allora siamo alla ricerca della guida migliore per rispondervi, il nome che raccoglie più consensi da quasi ottocento anni è uno solo: Tommaso d'Aquino (1225- 1274)

Lunedì, 06 Settembre 2021

Giorgio Enrico Cavallo, storico, formatore e giornalista, collabora con testate e quotidiani occupandosi prevalentemente di storia locale e nazionale. Studioso di storia piemontese, di storia della Chiesa e del dualismo Rivoluzione e Contro-rivoluzione, ha pubblicato numerosi saggi, tra i quali si segnalano: Gaetano Pugnani e i musicisti della corte sabauda nel XVIII secolo (2015, con A. Gunetti), La tirannia della libertà: il Piemonte dai Savoia a Napoleone (2016), A la manera ‘d Gianduja (2019), La fuite de Dijon: deportazione e ritorno in patria dei nobili piemontesi nel periodo giacobino 1799-1800 (2020, con M. Scarzella). Suoi saggi sono comparsi in numerose opere collettanee, tra le quali: Le “due Rome”, questioni e avvenimenti a centocinquanta anni dalla “breccia di Porta Pia” (2020, a cura di G. Turco).

Dettoriseditori.it fa uso di cookies, anche di terze parti. Questo per favorire una migliore navigazione sul sito.